Riduci carattereAumenta carattereVersione graficaSolo testo
 
Scopri i nostri corsi!

Orientati

Scopri i nostri corsi!

Obiettivi, insegnamenti, programmi

Course catalogue

Obiettivi, insegnamenti, programmi

Un'università per chi vuole guardare lontano

UNIVAQ

Un'università per chi vuole guardare lontano

Ex studenti dell'Ateneo: associazione e interviste

ALUMNI UNIVAQ

Ex studenti dell'Ateneo: associazione e interviste

Affittasi/Cercasi alloggio

Alloggi per studenti

Affittasi/Cercasi alloggio

Informazioni sui trasporti verso le sedi dell'Ateneo

Trasporti

Informazioni sui trasporti verso le sedi dell'Ateneo

Lavoro e stage per studenti e laureati

Placement

Lavoro e stage per studenti e laureati

Accesso al mondo del lavoro

Almalaurea

Accesso al mondo del lavoro

    Intervista a Mattia Capulli

    Profilo biografico e professionale

    Età: 33 anni

    Anno di laurea: 2005

    Corso di laurea: Biotecnologie mediche

    Ex Facoltà di appartenenza: Biotecnologie

     

    Mattia Capulli ha conseguito la Laurea specialistica in Biotecnologie mediche nel 2005 e nel 2010 il Dottorato in Biotecnologie presso l’Università degli Studi dell’Aquila.

    Dal 2010 lavora come Postdoc nel Dipartimento di Scienze cliniche applicate e biotecnologiche, nel laboratorio di Biopatologia dell’osso, diretto dalla prof. Anna Maria Teti.

    Nell'ambito di una collaborazione internazionale della prof. Anna Maria Teti, fra il 2012 e il 2013 ha lavorato presso il Columbia University Medical Center a New York, USA, sotto la supervisione della Prof. Stavroula Kousteni.

    Negli anni dopo la laurea, Mattia Capulli ha contribuito a 19 ricerche pubblicate su riviste internazionali, che hanno fornito un importante contributo sulla comprensione della fisiologia dell’osso e sulla patogenesi di alcune malattie ossee come: osteoporosi, osteopetrosi e metastasi ossee da tumore della mammella.

    Le ricerche sono state presentate in meeting nazionali e internazionali e spesso premiate (20 premi scientifici da società nazionali e internazionali).

    Il dott. Capulli ha recentemente contribuito, nell'ambito di una ricerca finanziata da Telethon, e coordinata dalla prof. Teti, a identificare una terapia innovativa per una patologia genetica rara: l’osteopetrosi autosomica dominante di tipo 2. Il farmaco oltre ad essere oggetto di un brevetto nazionale, è sotto valutazione come brevetto internazionale, e se ne sta valutando lo sviluppo per uso clinico.

    Il dott. Mattia Capulli attualmente sta continuando le sue ricerche come membro del laboratorio di Biopatologia dell’osso dell’Universtà deli Studi dell’Aquila.