Riduci carattereAumenta carattereVersione graficaSolo testo
 
Video e avvisi

Sicurezza

Video e avvisi

Affittasi/Cercasi alloggio

Alloggi per studenti

Affittasi/Cercasi alloggio

Informazioni sui trasporti verso le sedi dell'Ateneo

Trasporti

Informazioni sui trasporti verso le sedi dell'Ateneo

Lavoro e stage per studenti e laureati

Placement

Lavoro e stage per studenti e laureati

Accesso al mondo del lavoro

Almalaurea

Accesso al mondo del lavoro

Prof. Gaetano Messineo

Breve curriculum

Gaetano Messineo si era laureato a Palermo nel 1967 ed aveva brillantemente proseguito gli studi prima frequentando la Scuola di Perfezionamento dell’Università di Roma e poi la prestigiosa la Scuola Archeologica Italiana di Atene. Nel 1975 era entrato nei ruoli dello Stato come ispettore proprio presso la Soprintendenza Archeologica per l’Abruzzo, quell’Abruzzo da lui sempre amato, e nel quale la sorte gli riservò l’occasione di tornare come Docente universitario nel 2005. Grazie alla sua umanità e alle sue capacità aveva saputo stringere fortissimi legami di amicizia e collaborazione che aveva saputo successivamente riannodare per avviare fruttuose campagne di scavo pensate soprattutto per i suoi amatissimi allievi.

Dopo i primi anni abruzzesi era stato per un breve periodo nelle Marche e dal 1980 a Roma dove aveva salito i vari gradi della carriera prima presso la Soprintendenza e poi presso il Museo Nazionale d’Arte Orientale. Tra i numerosi scavi è doveroso ricordare quelli condotti in area abruzzese (nelle necropoli di Campovalano e di Arciprete e più recentemente a Pesatro.), e nell’area di Roma, in particolare in quella del suburbio settentrionale, dove ha diretto indagini di scavo e importanti imprese di restauro in una pluralità di siti, di insediamenti residenziali e di monumenti, favorendo anche la creazione di cantieri scuola. Non possono essere taciuti poi gli scavi condotti all’estero, almeno quelli in Turchia e in Grecia, in particolare a Lemno.

Gaetano Messineo era socio corrispondente della Pontificia Accademia Romana di Archeologia, ma era anche animatore di varie associazioni culturali e all’Aquila si era fatto promotore instancabile della valorizzazione del museo di San Giuliano.

La sua produzione scientifica è molto estesa e rispecchia la vastità e la profondità dei suoi interessi e spazia dalla magistrale, paziente ricostruzione dei vecchi scavi di Achille Adriani a Efestia (nell’isola di Lemno), ai contributi dedicati all’area abruzzese, all’arco di Malborghetto, frutto di un esemplare intervento di recupero del negletto arco costantiniano, alla villa di Livia a Prima Porta, all’attività di restauro condotta nella Tomba dei Nasoni. Gaetano Messineo si era dedicato anche a esemplari della scultura antica e all’instrumentum domesticum. I suoi studi dunque rivelano una non comune versatilità e una curiosità sempre viva per ogni aspetto della documentazione archeologica con la quale si è trovato a vario titolo a confrontarsi.