Riduci carattereAumenta carattereVersione graficaSolo testo
 

Veritą per Giulio Regeni


Veritą per Giulio Regeni

Il 25 febbraio è trascorso un mese dalla scomparsa di Giulio Regeni, il nostro connazionale rapito e ucciso in Egitto. La verità sul suo omicidio è ancora lontana ed è per questo che abbiamo deciso di appoggiare la campagna “Verità per Giulio Regeni” promossa da Amnesty International Italia.

 

Da settimane la comunità accademica mondiale, insieme a tante istituzioni nazionali e internazionali, oltre a semplici cittadini di tutto il mondo, chiedono alle autorità egiziane di svolgere un'inchiesta approfondita, rapida e indipendente sull'omicidio di Giulio Regeni. La nostra Università ha manifestato, con la “Lettera sulla morte di Giulio Regeni”, vicinanza alla famiglia aderendo allo stesso tempo all'appello di numerose istituzioni accademiche nel mondo chiedendo alle autorità tutte di impiegare ogni possibile mezzo per far luce sulle circostanze della brutale uccisione di Giulio Regeni.

 

Ora è arrivato il momento di porci a fianco degli attivisti dei diritti umani. L’Ateneo aquilano aderisce alla campagna “VERITÀ PER GIULIO REGENI” promossa da Amnesty International Italia.

 

Dobbiamo impedire che l'omicidio del giovane ricercatore italiano finisca per essere dimenticato, dobbiamo respingere qualsiasi esito distante da una verità accertata e riconosciuta in modo indipendente, lo dobbiamo anche a tutte le donne e gli uomini che in Egitto provano ancora a occuparsi di diritti umani, nonostante la forte repressione cui sono sottoposti.


(25.02.2016)